AVVOCATO ARAFO


AVVOCATO ARAFO

-BM PRODUCTIONS -SERVIZI ALLE IMPRESE DI TENERIFE- Acquista il tuo spazio pubblicitario oppure compila il forum per info e sarete richiamati da un nostro referente di zona. info@serviciosentenerife1.es

VENDIAMO SPAZI PUBBLICITARI NELLA PRIMA PAGINA
DI GOOGLE TENERIFE SPAGNA.

 CENTINAIA DI CONCETTI CHIAVE (KEYWORDS) DI LAVORI E SERVIZI
DEDICATI ALLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE DEL TERRITORIO.
POSIZIONAMENTO IN 32 COMUNI
DI TENERIFE. 

SE VUOI FARTI TROVARE
E VUOI LAVORARE 

QUESTO METODO EFFICACE
TI AIUTERA’ AD ESSERE
CONTATTATO 

DA MOLTI CLIENTI. 

FATTI TROVARE
GRAZIE ALLA BM PRODUCTIONS

 

ACQUISTA IL TUO SPAZIO PUBBLICITARIO CON SOLO 1 €.

COMPILA IL FORUM

E SARAI CONTATTATO DA UN NOSTRO AGENTE DI ZONA.

A BREVE POTRAI ACQUISTARE DIRETTAMENTE
NELLA NOSTRA PIATTAFORMA E-COMMERCE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

avvocato ARAFO(al femminile avvocata o avvocatessa; il più delle volte usato al maschile anche per riferirsi alle donne, data la neutralità della professione rispetto al sesso di chi la esercita[1]; dal latino advocatus AVVOCATO ARAFO propriamente participio passato di advocare, “chiamare presso”, nel latino imperiale “chiamare a propria difesa”, e con uso assoluto “assumere un avvocato”[2]) è un professionista che svolge attività di assistenza, consulenza giuridica e rappresentanza legale a favore di una parte.

Indice AVVOCATO ARAFO

 La professione di avvocato era molto ambita per le implicazioni che aveva in campo politico e molti celebri personaggi, come AVVOCATO ARAFO Quinto Ortensio OrtaloMarco Tullio Cicerone, si distinsero nelle aule dei tribunali. 

L’avvocato ARAFO Azzecca-garbugli nell’illustrazione di Francesco Gonin a I promessi sposi di Manzoni

AVVOCATO ARAFO La lex Cincia del 204 a.C. si occupò delle parcelle degli avvocati, stabilendo che nessun avvocato potesse ricevere doni prima di trattare una causa, probabilmente con lo scopo di evitare che il costo delle prestazioni forensi divenisse eccessivo per i ceti più poveri. Ai tempi di Augusto la lex Cincia de donis et muneribus fu confermata da un senatusconsultus e venne introdotta una sanzione – per l’avvocato – pari a quattro volte la somma ricevuta in dono[3]. La legge fu modificata nuovamente sotto Claudio, introducendo l’autorizzazione – per l’avvocato – a ricevere 10.000 sesterzi; nel caso di superamento di tale somma, l’avvocato avrebbe potuto essere processato per concussione (repetundarum)[4]. Ai tempi di Traiano venne stabilito che tale somma poteva essere pagata solo alla fine della causa[5].

Oltre l’advocatus, i soggetti dell’ordine forense erano, secondo il diritto romano:

il giureconsultoIuriconsultus (colui che è stato consultato in materia di diritto). Era l’esperto del diritto, cioè il giurista; non teneva le orazioni. Era il soggetto da cui si recavano le parti; il giurista diceva questa frase: “Narrami il fatto e ti darò il diritto” (Da mihi factum dabo tibi ius). Essi godevano di un diritto molto importante, lo Ius Publice Respondendi:cioè le soluzioni da loro date ai quesiti che venivano proposti erano considerate fonte di diritto . Ancora oggi con il termine “giureconsulti” o “giuristi” ci si riferisce gli esperti del diritto, ma il termine è passato a indicare precipuamente i professori universitari delle Facoltà universitarie di giurisprudenza. I più famosi nella Roma antica furono PaoloGaioModestinoPapiniano ed Eneo Domizio Ulpiano.

l’oratore: era colui che parlava nel processo, ma era necessaria la presenza del cliens (cliente), il titolare del diritto, dato che l’oratore non godeva della rappresentanza processuale. Inoltre l’oratore assisteva il cliente e non lo rappresentava;

il procuratore: è colui che agisce in nome e per conto di un soggetto, stipulando atti giuridici che vanno a incidere nella sfera giuridica di quel soggetto che gli ha conferito la procura. Questa è una definizione moderna, ma il procuratore era già presente anche a Roma;

l’advocatus: generalmente amico influente dei politici o dei familiari del cliente che si trovavano intorno lui, potendo essere anche più di una persona contemporaneamente.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Le leggi barbare, i capitolari di Carlo Magno e gli altri documenti che seguirono l’invasione, attestano che le funzioni di avvocato, continuarono a essere esercitate da molti d’origine gallica. Quelli che le svolgevano erano ad esempio chiamati advocatitutoresactorescausidiciclamatores.
Solo nel XIII secolo, con l’avvento di Luigi IX sul trono di Francia, la professione iniziò ad avere una certa disciplina giuridica.

All’epoca, nonostante ci fossero avvocati presso tutti i tribunali, avvocati ufficiali, del parlamento, del prevosto di Parigi, della giustizia delle signorie, ecc. ancora oggi non sono certe le condizioni in base alle quali si potesse essere definito avvocato. Philippe de Rémi ci dice solo che il balivo aveva il diritto di escludere dal suo tribunale gli individui che vi si presentavano senza avere le caratteristiche richieste dall’esercizio dell’avvocatura. Di più, un’ordinanza di Filippo il Bello, del 23 aprile 1299, ci conferma nella convinzione con queste parole: ad patrocinandum excommunicatos non recepiatis.

Gli ecclesiastici furono dapprima i soli avvocati, ma i laici fecero loro ben presto una indubbia concorrenza e finì che molti di loro rinunciarono sempre di più a questa professione, fino al Concilio Lateranense III, che vietò ai preti di esercitare ogni funzione giudiziaria presso i tribunali laici. Filippo il Bello creò in favore degli avvocati un ordine di cavalleria delle leggi, accordando loro tutti i diritti e tutte le distinzioni della cavalleria armata, sostituendo il titolo di maestro a quello di messere e monsignore.

Un editto del 1299 difendeva il diritto di scegliere e vendere i libri degli avvocati.[senza fonte] Diverse ordinanze di Luigi IX di FranciaFilippo III di FranciaFilippo IV di Francia, invitavano gli avvocati alla cortesia, alla veracità, al disinteresse e, alla loro nomina, essi giuravano di osservare queste prescrizioni. Nessun avvocato che si fosse interessato di un affare poteva mai abbandonarlo.

Un’ordinanza di Filippo l’Ardito, pubblicata a Parigi il 23 ottobre 1274, prescriveva agli avvocati di giurare sui santi evangeli, che non si sarebbero presi in carico che cause giuste, e che avrebbero subito abbandonato quelle che avessero scoperto essere malvagie e cattive.

Ordina inoltre che gli avvocati i quali non avessero prestato questo giuramento, fossero interdetti da ogni attività legata alla loro professione finché non l’avessero fatto. Gli onorari erano fissati da ordinanze e proporzionali all’importanza del processo e all’abilità dell’avvocato, ma non potevano in alcun modo superare la somma di trenta tornesi. In caso di contestazioni decideva il giudice.
Gli avvocati avevano la barba rasa, la capigliatura lunga, che cadeva sulle spalle e sulla fronte. Parlavano coverto, ovvero in gergo stretto tra loro. Il loro modo di abbigliarsi non aveva nulla di particolare.[senza fonte] Quando a seguito di una disputa giudiziaria seguiva un duello, essi accompagnavano sul terreno scelto per la sfida i loro clienti e li aiutavano, sia dando loro consigli, sia unendosi a loro per duellare.

Philippe de Rémi, nel capitolo V del suo libro in cui tratta degli avvocati.

AVVOCATO ci dà numerose e interessanti notizie su di loro e c’informa, per esempio, che esistevano avvocati patrocinanti e avvocati che potevano solo dare consigli legali ai propri clienti. I primi, che sarebbero poi gli antichi avvocati, portavano una lunga sottana nera ricoperta da un mantello rosso scarlatto, foderato d’ermellino, rigonfio sui lati e trattenuto, sul petto da un grosso fermaglio o da una spilla.[non chiaro]

I secondi avevano sempre la sottana nera, ma vi portavano sopra un mantello bianco, tenevano i capelli tagliati corti e portavano un copricapo. Non erano soltanto nobili, formavano un ordine nel quale venivano scelti i membri dell’amministrazione giudiziaria e del parlamento. Si era ammessi al giuramento, dietro la presentazione di un membro anziano, dopo due esami, uno di capacità.
l’altro di moralità, e nell’ordine dopo qualche anno di frequentazione delle udienze in qualità di uditore esterno.

Ciascun avvocato era posto sotto la sorveglianza dei suoi colleghi e dei giudici che avevano su di lui il diritto di rimostranza e che potevano anche decretarne l’espulsione. Gli onorari erano ancora fissi come in precedenza. Fu in questo secolo che gli avvocati misero in vigore, in Francia la legge salica.
AVVOCATO TENERIFE La professione era ormai regolamentata, ma ulteriori disposizioni legislative tendevano a perfezionarne la normativa. Nel 1490, sotto Carlo VIII, apparve la prima ordinanza conosciuta che esigeva dall’aspirante avvocato, cinque anni di studio presso un’università e il titolo di laurea in utroque iure (diritto civile e canonico). Nel XIV secolo erano raggruppati in consiliariiproponentesadvocati novi.[senza fonte]

Età moderna e contemporanea

Abraham Lincoln fu un evidente esempio di avvocato che decise di entrare in politica

 

 

La figura venne ad essere disciplinata in modo diverso nei vari stati del mondo; in Italia nel corso degli anni è andata progressivamente crescendo una grande inflazione nel numero di avvocati: poco dopo la fine degli anni novanta del XX secolo, quando in Francia.
esercitavano solo ottomila avvocati sull’intero territorio nazionale, fu l’ex vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Giovanni Verde a dire che nella sola provincia di Napoli.
c’erano più avvocati che Oltralpe.
[senza fonte]

Quel paragone venne riesumato dal presidente reggente della corte d’Appello di Roma.

Claudio Fancelli, che alla cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2008 per inciso accolla lo sfascio del processo civile e penale all’«abnorme numero di avvocati» presenti nella città di Roma. In quell’occasione Fancelli non fece numeri, ma dichiarò.

Share Now

Related Post

blog-grid

AVVOCATO TEGUESTE

blog-grid

AVVOCATO TACORONTE

Leave us a reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi